Archivio mensile:Marzo 2011

Affissi manifesti per “comizi" elettorali


Affissi questa mattina in tutti i comuni maceratesi i manifesti con i quali vengono convocati i “comizi” per l’elezione diretta del Presidente della Provincia e per il rinnovo dei 24 seggi del Consiglio provinciale di Macerata. Questo adempimento dà di fatto avvio al un complesso procedimento elettorale, che – con precise e tassative scadenze – comprende anche la fase della presentazione delle candidature. Le elezioni, come è noto, si svolgeranno domenica 15 (seggi aperti dalle 8 alle 22) e lunedì 16 maggio (dalle 7 alle 15).
I manifesti, a firma dei Sindaci, riportano l’elenco dei seggi elettorali che saranno allestiti per l’occasione in ciascun Comune, con indicate le rispettive ubicazioni. In tutta la provincia sono previsti 322 seggi: 44 a Macerata, 40 a Civitanova, 20 a Recanti, 19 a Tolentino, 15 a Corridonia, 13 a Potenza Picena e a San Severino, 10 a Matelica, 9 a Cingoli, Morrovalle e Porto Recanati, 8 a Camerino, 7 a Monte San Giusto, 6 a Montecassiano, 5 a Mogliano, Montecosaro e Pollenza, 4 ad Appignano, Castelraimondo, Montefano e San Ginesio, da 1 a 3 seggi in tutti gli altri Comuni.
Contestualmente all’elezione diretta del presidente della Provincia, l’elettore è chiamato a votare anche per il rinnovo del Consiglio provinciale. I consiglieri da eleggere, con il sistema uninominale, sono 24, tanti quanti i collegi elettorali in cui è stato suddiviso il territorio della Provincia. Ogni collegio ha mediamente diecimila elettori.
***
Questi i numeri e i nomi identificati dei collegi: 1 – Camerino (Acquacanina, Bolognola, Camerino, Castelsantangelo sul Nera, Fiastra, Fiordimonte, Monte Cavallo, Muccia, Pievebovigliana, Pieve Torina, Ussita, Visso), 2 – Castelraimondo (Castelraimondo, Fiuminata, Gagliole, Pioraco, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti), 3 – Cingoli (Apiro, Cingoli, Poggio S. Vicino). 4 – Civitanova I° , 5 – Civitanova II°, 6 – Civitanova III°, 7 – Corridonia I°, 8 – Corridonia II°, (comprende anche Mogliano e Monte San Giusto), 9 – Macerata I°, 10 – Macerata II°, 11 – Macerata III° (comprende Montecassiano), 12 – Macerata IV°, 13 – Matelica, (Esanatoglia e Matelica), 14 – Morrovalle (Montecosaro e Morrovalle), 15 – Potenza Picena, 16 – Recanati I° , 17 – Recanati II°, (comprende Montefano e Montelupone), 18 – Recanati III°, comprende Porto Recanati.), 19 – San Ginesio (Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Colmurano, Ripe San Ginesio, San Ginesio, Urbisaglia), 20 – San Severino Marche, 21 – Sarnano (Gualdo, Loro Piceno, Monte San Martino, Penna San Giovanni, Petriolo, Sant’Angelo in Pontano, Sarnano), 22 – Tolentino I°, (comprende Pollenza.); 23 – Tolentino II°, 24 – Treia (Appignano e Treia).
***
Negli stessi giorni si voterà anche per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale in sei Comuni: Bolognola, Castelraimondo, Esanatoglia, Morrovalle, Muccia, San Severino Marche.

Affissi manifesti per “comizi” elettorali


Affissi questa mattina in tutti i comuni maceratesi i manifesti con i quali vengono convocati i “comizi” per l’elezione diretta del Presidente della Provincia e per il rinnovo dei 24 seggi del Consiglio provinciale di Macerata. Questo adempimento dà di fatto avvio al un complesso procedimento elettorale, che – con precise e tassative scadenze – comprende anche la fase della presentazione delle candidature. Le elezioni, come è noto, si svolgeranno domenica 15 (seggi aperti dalle 8 alle 22) e lunedì 16 maggio (dalle 7 alle 15).
I manifesti, a firma dei Sindaci, riportano l’elenco dei seggi elettorali che saranno allestiti per l’occasione in ciascun Comune, con indicate le rispettive ubicazioni. In tutta la provincia sono previsti 322 seggi: 44 a Macerata, 40 a Civitanova, 20 a Recanti, 19 a Tolentino, 15 a Corridonia, 13 a Potenza Picena e a San Severino, 10 a Matelica, 9 a Cingoli, Morrovalle e Porto Recanati, 8 a Camerino, 7 a Monte San Giusto, 6 a Montecassiano, 5 a Mogliano, Montecosaro e Pollenza, 4 ad Appignano, Castelraimondo, Montefano e San Ginesio, da 1 a 3 seggi in tutti gli altri Comuni.
Contestualmente all’elezione diretta del presidente della Provincia, l’elettore è chiamato a votare anche per il rinnovo del Consiglio provinciale. I consiglieri da eleggere, con il sistema uninominale, sono 24, tanti quanti i collegi elettorali in cui è stato suddiviso il territorio della Provincia. Ogni collegio ha mediamente diecimila elettori.
***
Questi i numeri e i nomi identificati dei collegi: 1 – Camerino (Acquacanina, Bolognola, Camerino, Castelsantangelo sul Nera, Fiastra, Fiordimonte, Monte Cavallo, Muccia, Pievebovigliana, Pieve Torina, Ussita, Visso), 2 – Castelraimondo (Castelraimondo, Fiuminata, Gagliole, Pioraco, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti), 3 – Cingoli (Apiro, Cingoli, Poggio S. Vicino). 4 – Civitanova I° , 5 – Civitanova II°, 6 – Civitanova III°, 7 – Corridonia I°, 8 – Corridonia II°, (comprende anche Mogliano e Monte San Giusto), 9 – Macerata I°, 10 – Macerata II°, 11 – Macerata III° (comprende Montecassiano), 12 – Macerata IV°, 13 – Matelica, (Esanatoglia e Matelica), 14 – Morrovalle (Montecosaro e Morrovalle), 15 – Potenza Picena, 16 – Recanati I° , 17 – Recanati II°, (comprende Montefano e Montelupone), 18 – Recanati III°, comprende Porto Recanati.), 19 – San Ginesio (Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Colmurano, Ripe San Ginesio, San Ginesio, Urbisaglia), 20 – San Severino Marche, 21 – Sarnano (Gualdo, Loro Piceno, Monte San Martino, Penna San Giovanni, Petriolo, Sant’Angelo in Pontano, Sarnano), 22 – Tolentino I°, (comprende Pollenza.); 23 – Tolentino II°, 24 – Treia (Appignano e Treia).
***
Negli stessi giorni si voterà anche per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale in sei Comuni: Bolognola, Castelraimondo, Esanatoglia, Morrovalle, Muccia, San Severino Marche.

Bilancio di previsione della Provincia


È stato approvato, con delibera del Commissario prefettizio Sandro Calvosa, il Bilancio di previsione della Provincia di Macerata per il 2011. Un bilancio caratterizzato da forti contrazioni di spese. Complessivamente la previsione per l’anno corrente è ridotta del 28,68% rispetto al 2010. Si tratta di tagli dovuti, sia alla prima forte riduzione dei trasferimenti erariali, che per quest’anno sono diminuiti di 2 milioni e 239 mila euro, sia all’obbligo di rispettare il “patto di stabilità” interno. Quest’ultimo, secondo i nuovi criteri, ha comportato per il 2011 una previsione di spese in conto capitale (investimenti) di circa dodici milioni di euro in meno rispetto al 2010.
Nel ridurre di circa dieci milioni di euro gli stanziamenti e le previsioni di spesa corrente, che passano dai 78 milioni del 2010 ai circa 68 milioni del 2011, il bilancio per l’anno in corso cerca di non penalizzare per quanto possibile i servizi essenziali e quegli interventi rivolti a sostenere il sistema economico e l’occupazione; due necessità primarie stante la negativa congiuntura in atto.
“Abbiamo costruito il bilancio – sottolinea il Commissario Calvosa – tenendo presenti le funzioni fondamentali dell’ente Provincia: gestione del territorio, edilizia scolastica, trasporti, tutela ambientale, sviluppo economico e tre priorità: infrastrutture viarie e scolastiche, sostegno al mercato del lavoro, sostegno alle imprese. L’impostazione data è sostanzialmente tecnica, stante l’ordinaria gestione che l’amministrazione commissariale prevede, anche per la parte relativa agli investimenti e alla previsione dell’assunzione dei mutui che è riferita unicamente agli interventi di messa a norma degli immobili. L’intero documento di programmazione economico-finanziaria è stato progettato in modo condiviso con la struttura dirigenziale dell’ente, partendo dall’assegnazione di specifici budget di spesa ed ottenendo la sua quadratura sia attraverso il recepimento dei tagli della manovra estiva, sia mediante la sostanziale riduzione della spesa discrezionale”.
Anche una delle spese più “rigide” e quindi più difficilmente contraibili, qual è quella per il personale (484 sono i dipendenti in servizio della Provincia), viene ridotta di quasi il 4%, mentre in attuazione del decreto sulla razionalizzazione e contenimento della spesa, sono stati apportati tagli che variano dal 10 all’80% per quanto concerne le retribuzioni agli organi collegiali, gli incarichi di consulenza, le relazioni pubbliche, i convegni, spese di rappresentanza, di pubblicità, missioni e autovetture di servizio.
Sul fronte delle entrate non sono stati apportati aumenti alle imposte e tasse provinciali. Allo scopo di non incidere negativamente sui contribuenti, sono state confermate le tariffe del 2010 per la Tosap, per l’imposta sulla trascrizioni automobilistiche, così come per l’addizionale sull’energia elettrica e per i tributi sulla tutela ambientale e sul deposito in discarica. Complessivamente le entrate tributarie ammontano a poco più di 29 milioni, mentre i trasferimenti da Stato e Regione superano di poco i 31 milioni. Tra le entrate del 2011 figurano anche previsioni pari a complessivi un milione e 400 mila euro derivanti da alienazioni immobiliari, in particolare dalla vendita di ex case cantoniere non più utilizzate e dalla dismissione della partecipazione societaria nella Acom SpA
Al Bilancio è allegato il programma degli investimenti, che per il 2011 prevede – stante la riduzione dovuta al rispetto del patto di Stabilità – interventi per circa 11 milioni di euro: 6 milioni e 700 mila per la viabilità, 2 milioni e 700 mila per l’edilizia scolastica, circa 2 milioni per la manutenzione dei fiumi e per opere di risanamento idrogeologico.
Nelle prossimi giorni è prevista una prima modifica di bilancio per finanziare le elezioni provinciali di maggio e gli interventi più urgenti dovuti ai danni causati dall’eccezionale ondata di maltempo di inizio marzo, tra cui i lavori per il ponte lungo la strada Corridonia-Colbuccaro.

Progetto Ulisse: consegnati europass a 200 studenti


Una festosa occasione per incontrarsi di nuovo tra amici e ricordare la positiva esperienze formativa all’estero. Così duecento giovani studenti delle scuole superiori hanno vissuto l’incontro che la Provincia ha organizzato presso l’aula magna dell’Istituto tecnico commerciale “Gentili” di Macerata per consegnare l’Europass, cioè la speciale attestazione di valore europeo che certifica l’esperienza di formazione linguistica all’estero, alle 146 ragazze e 54 ragazzi che hanno partecipato al Progetto Ulisse 2010.
Nel corso dell’incontro, molti ragazzi hanno parlato della loro esperienza, che per tutti è risultata molto utile, sia dal punto di vista formativo, sia umano. I ragazzi, appartenenti a tutte le scuole superiori della provincia erano stati selezionati e riuniti in gruppi in base alla lingua straniera scelta e alla località di soggiorno. Gran parte di loro non si sconoscevano e nelle tre settimane trascorse all’estero hanno fatto amicizia tra loro, oltre che con coetanei conosciuti nelle località di soggiorno.
La Provincia – ha ricordato Stefania Borgani, responsabile del servizio istruzione dell’Amministrazione provinciale – ha investito in questo progetto circa 500 mila euro del Fondo sociale europeo. E’ un vero e proprio investimento sui giovani in quanto l’importanza di apprendere lingue straniere è estremamente utile per affrontare il sempre più complesso mercato del lavoro.
Gran parte dei ragazzi ha perfezionato la conoscenza dell’inglese con soggiorni in varie località dell’Inghilterra e dell’Irlanda; altri hanno preferito perfezionarsi nella lingua francese con il soggiorno programmato dalla Provincia a Montpellier o nello spagnolo a Siviglia oppure nel tedesco a Stoccarda.
La partecipazione all’attività formativa è stata completamente gratuita per i partecipanti in quanto la borsa di studio erogata dalla Provincia ha coperto i costi di viaggio, vitto, alloggio, assicurazione e di formazione.

Nella foto allegate gruppi di studenti che hanno soggiornato in Spagna.

Strada muccese: intervento sul ponte in località Canepina


La Provincia di Macerata ha approvato un progetto esecutivo per realizzare lavori di manutenzione straordinaria del ponte situato al km. 13+950 della strada 256 “Muccese” all’interno del centro abitato della frazione Canepina, nel Comune di Camerino. Il ponte ha una struttura ad arco in muratura costituita da un’unica campata.
L’intervento, finanziato per 200 mila euro, prevede lavori di ristrutturazione, trattamento protettivo e di impermeabilizzazione della struttura, che presenta un generale stato di degrado su entrambi i lati e lungo l’intero arco. Saranno anche installate nuove barriere di protezione e realizzate opere di ripristino della scarpata, per evitare fenomeni di erosione del sottostante alveo del Fosso Sperimento.

Nella foto, uno scorcio del ponte in loc. Canepina

Concluso corso per selecacciatori: 46 abilitati


Sono in 46 ad aver superato l’esame di abilitazione alla qualifica di “Selecacciatore”. Si tratta di una nuova figura prevista dal regolamento per la gestione faunistico-venatoria degli ungulati (cinghiali ed altri animali selvatici) abilitata a monitorare la presenza di tali animali sul territorio, a studiarne gli spostamenti e la proliferazione, intervenendo anche – in caso di necessità – al prelevamento selettivo degli stessi. Alla fine dello scorso anno la Provincia di Macerata aveva pubblicato un bando per selezionare e formare persone interessate ad ottenere tale qualifica. La risposta era stata superiore ad ogni previsione: oltre 300 le domande presentate da altrettanti cacciatori. Coloro che hanno superato la selezione sono stati ammessi a frequentare nelle scorse settimane un corso (14 incontri per complessive 45 ore di lezioni). Al termine si è svolto un esame di abilitazione con il quale hanno ottenuto l’abilitazione alla qualifica di “selecacciatore”: Gianluca Fioretti, Sergio Fondi, Massimiliano Lucarelli, Giovanni Fondi, Giampietro Maccagnani, Enrico Falsetti, Giorgio Paganelli, Venanzio Micheli, Renzo Reversi, Fernando Severini, Paolo Trognoni, Andrea Piccioni, Luca Quacquarini, Gianni Fioretti, Simone Formiconi, Andrea Innocenzi, Bruno Mancinelli, Massimo Orici, Attilio Rivelli, Luca Sabbatini, Massimo De Piero, Stefano Palpacelli, Fabio Ciccarelli, Mario Morichetti, Emanuele Noè, Daniele Valentini, Alberto Mantini, Michele Medei, Eugenio Poloni, Orazio Falistocco, Alessio Menchi, Giandomenico Paolini, Andrea Paparroni, Marco Bozzi, Guido Muzzi, Alberto Maraviglia, Lorenzo Taddei, Franco Tobaldi, Renato Frattani, Vittorio Ruggeri, Marco Mengoni, Leonardo Procaccini, Giovanni Papavero, Fabrizio Petritoli, Giuliano Fava, Mauro Cappellacci.
Domani (31 marzo) alle 17,30 nella sala convegni della Provincia, a Piediripa, è in programma la prima riunione operativa con i neo “selecacciatori” per approntare gli aspetti organizzativi per le future operazioni di censimento degli animali. All’incontro sono stati invitati anche i titolari delle aziende faunistico-venatorie presenti nel territorio della provincia di Macerata.

Mogliano tra “Vivere L’Arte” e “…assaggi di Raci 2011”.


Mogliano archivia con successo la seconda edizione di “Vivere L’Arte” a cui la Provincia di Macerata ha contribuito con il primo appuntamento di “…assaggi di Raci 2011”. La manifestazione ha animato per un intero fine settimana il centro storico, affollato da migliaia di visitatori. Alla visita alle bellezze architettoniche (Palazzo Forti, Lu Torchiu, Chiesa di S. Maria con la Pala del Lotto, l’Auditorium San Nicolò, il Teatro Apollo), si sono aggiunti spettacoli teatrali , musicali, letterari , mostre fotografiche, mostre di pittura e scultura , organizzati da numerose associazioni provenienti da tutta la regione, ed anche da Toscana ed Emilia Romagna.
Arte e cultura sono andate per due giorni “a braccetto” per le vie di Mogliano con le tipicità agroalimentari. L’iniziativa della Provincia di Macerata “…assaggi di Raci” inserita nel programma di “Vivere l’Arte”, è stata, infatti, dedicata a due produzioni tipiche del territorio che ospitava la manifestazione: la norcineria e l’olio extravergine di oliva monovarietale “Il Piantone di Mogliano”.
Partecipando ad iniziative specifiche coordinate nell’arco delle due giornate da Paolo Pinciaroli, del servizio agricoltura della Provincia, il pubblico ha avuto di conoscere meglio caratteristiche di produzione, modalità di trasformazione e corretto consumo di alcune eccellenze agroalimentari. Un primo appuntamento è stato il laboratorio di “analisi sensoriale”, curato da. Riccardo Pellegrini del CIAS di Matelica. Sono stati analizzati sei tipologie di ciauscolo e sono stati forniti ai consumatori elementi per poter giudicare in modo più “consapevole”. Di “Saperi e sapori” della norcineria e dell’olivocoltura, legati al “Suino della Marca” e al “Piantone di Mogliano”, si è parlato in un convegno con la partecipazione di Paolo Corradini (agronomo), Ugo Testa e Giovanni Cavazza (Assam), Maura Moroni (Regione Marche). La taverna Santa Maria ha ospitato un “panel” ufficiale per esperti assaggiatori di olio ed una lezione guidata per fornire ai consumatori le cognizioni sensoriali utili ad individuare un buon olio extravergine di oliva. A coinvolgere di più il pubblico, particolarmente numeroso, è stata la rievocazione della “pista” del maiale, organizzata con il supporto dell’Assam e dei cuochi dell’Istituto Alberghiero di Cingoli, i quali hanno fatto degustare carne e salsicce alla piastra a tutti i presenti.
Tutte le eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche che nel corso del 2011 saranno valorizzate e promosse con singole manifestazione sul territorio, sono state presenti a Mogliano in un apposito stand allestito con la collaborazione dei Comuni aderenti ad “assaggi di Raci”. Gran folla anche nello stand della Pro Loco di Mogliano che per l’intera durata della manifestazione ha presentato un menù realizzato con le eccellenze presenti nel percorso enogastronomico.

Prosegue a Cingoli la settimana contro la violenza


Prosegue a Cingoli il progetto ministeriale ”II settimana contro la violenza” che dal 24 marzo interesserà le scuole superiori del Comune. Il progetto, grazie al lavoro della Consulta per le Pari Opportunità e alla partecipazione dell’Istituto Comprensivo “E. Mestica”, del Liceo Linguistico e Socio-Psico-Pedagogico “G.Leopardi” e dell’Istituto I.P.S.S.A.R.T. “G. Varnelli” si inserisce in un programma nazionale patrocinato dal ministero delle Pari opportunità.
Il programma ha visto lo scorso ottobre per la scuola primaria e secondaria l’intervento del Telefono Azzurro e ora prosegue per le scuole superiori con la presenza della Fish onlus e del Telefono Rosa attraverso moduli organizzativi di incontri e laboratori per gli alunni, incontri di informazione e sensibilizzazione per i genitori, incontri formativi con gli insegnanti volti a contrastare la violenza in ogni sua declinazione. L’incontro con i genitori e gli insegnanti è fissato per giovedì 24 alle ore 16.30 presso il Palazzo Municipale.
Diffondere la cultura del rispetto tra giovani generazioni prevenire i fenomeni di violenza a partire dalle scuole è questo l’obiettivo da raggiungere.
Tra le iniziative promosse, sono stati espressamente previsti nel Protocollo d’Intesa tra il Ministro Gelmini e il Ministro Carfagna, che ha istituito l’iniziativa, ulteriori incontri destinati all’educazione e alla legalità, intesa come coscienza delle regole alla base della convivenza civile, con la partecipazione di esperti e di operatori anche delle Forze di Polizia. Per gli studenti del Liceo Linguistico e Psicopedagogico “G. Leopardi” e dell’Istituto I.P.S.S.A.R.T. “G. Varnelli” sono previsti ulteriori incontri con la dott.ssa Natalina Baiocchi, dirigente della Divisione anticrimine della Questura di Macerata, sul tema dello stalking presso la sala Verdi del Palazzo municipale (28 e 30 marzo) e con il prof. Rino Froldi sul problema degli effetti e dell’uso delle sostanze psicotrope, presso il Cinema Teatro Farnese il 4 aprile.

Recanati dà il via alla “sezione” maceratese di ControCanto


Con lo spettacolo dedicato all’opera del poeta e drammaturgo russo Vladimir Majakovskij, prende avvio domenica 27 marzo (ore 21.30) da Recanati la “sezione” maceratese di ControCanto, rassegna di musica pop, attuale e storica, che con la direzione artistica di Mauro Binci, si svolge in teatri, chiese e musei delle province di Ancona e Macerata. Nel maceratese gli appuntamenti sono tre e tutti sono organizzati con la collaborazione del Sistema Museale della provincia di Macerata.
A fare da palcoscenico allo spettacolo di Recanati è il museo civico di Villa Colloredo Mels, dove i pochi posti a disposizione per il pubblico risultano già tutti prenotati. Protagonisti della serata sono Pierpaolo Capovilla, frontman e voce de Il Teatro degli Orrori, la rock band più apprezzata del 2010, e Giulio Ragno Favero, produttore di Zu, Il Teatro degli Orrori e One Dimensional Man.
In “Eresia” – questo il titolo del “reading” dedicato a Majakovskij – Capovilla esplicita la sua passione per il teatro e la sua attitudine di attore, emersa nella musica, leggendo, o meglio cantando, come recita la locandina dello spettacolo, poesie e testi del cantore della Rivoluzione d’Ottobre. Le musiche dal vivo sono di Giulio Ragno Favero alle chitarre, sintetizzatore e laptop, accompagnato al piano da Kole Laca, pianista di origini albanesi, attivo in Italia con il progetto 2pigeons e con il Tamteatromusica, e al contrabbasso da Richard Tiso, il bassista di origini inglesi già collaboratore nei dischi de Il Teatro degli Orrori.
L’evento è il primo di tre spettacoli offerti dal Sistema Museale della Provincia di Macerata per promuovere il ricco ed importante patrimonio artistico del territorio. A questo di Recanati seguiranno quelli di Cingoli (16 aprile) nella chiesa di San Domenico con i Quintorigo e di Macerata (17 aprile) a Palazzo Buonaccorsi con il Movie Concert di Paolo Sereno. Tutto il programma sul sito www.contro-canto.org

ControCanto: la rassegna promossa dalla Provincia di Ancona


ControCanto è la rassegna promossa dalla Provincia di Ancona per offrire occasioni di riflessione sulla condizione umana e la società attraverso la chiave di lettura della musica.
Nata cinque anni fa, ha ospitato artisti italiani ed internazionali impegnati in progetti musicali originali e contaminati da altri arti, come la letteratura, la danza e il teatro. Tra gli altri ricordiamo Carmen Consoli, Mauro Pagani, Massimo Bubola, Giovanni Sollima, Ludovico Einaudi, Malika Ayane, David Byrne, Antony and The Johnsons, Tuck & Patti, Steve Earle.

La grande novità di questa V edizione è l’ingresso nel festival, fra gli Enti organizzatori, del Sistema Museale della Provincia di Macerata con un proprio programma di spettacoli, finalizzato alla promozione del ricco e prestigioso patrimonio d’arte del territorio e della vasta rete di musei che lo raccoglie. Un cartellone di tre eventi che, grazie alla collaborazione dei Comuni di Recanati, Cingoli, Macerata e dell’Istituzione Macerata Cultura, apre le porte dei musei a ControCanto, oltre ai tradizionali luoghi finora coinvolti: teatri, auditorium e biblioteche.

Gli spettacoli scelti non hanno volutamente un’impostazione filologica rispetto alle collezioni ed opere storiche ospitate nei singoli musei, ma, al contrario, si rifanno alla cultura musicale ed artistica moderna e contemporanea. Si eplicita così l’idea di museo come centro culturale vivo, con le aperture serali straordinarie, rivolte anche un pubblico di fruitori nuovo e giovane.
L’ispirazione per la scelta delle sedi è nata dall’attualità della grande mostra di Lorenzo Lotto alle Scuderie del Quirinale, alcune opere fondamentali del quale risiedono al Museo Civico Villa Colloredo Mels di Recanati e nella Chiesa di San Domenico di Cingoli, e dalla valorizzazione di Palazzo Buonaccorsi, il nuovo gioiello di Macerata, ma anche di tutto il territorio provinciale.

Ecco allora il 27 marzo a Recanati, nella città di Leopardi, il reading sul poeta e drammaturgo russo Vladimir Majakovskij di Pierpaolo Capovilla, voce e frontman de Il Teatro degli Orrori, la rock band più apprezzata del 2010. Il 16 aprile a Cingoli il concerto degli originali ed innovativi Quintorigo con il loro nuovo album English Garden. Il 17 aprile a Macerata il Movie Concert del maestro di chitarra acustica fingerstyle Paolo Sereno, che musicherà dal vivo clip di film ed il un corto animato Danza Bianca disegnato per suo disco.
Gli spettacoli sono tutti in esclusiva regionale e quelli di Cingoli e Macerata fanno parte del cartellone ufficiale della Settimana Nazionale della Cultura promossa dal Ministero dei Beni ed Attività Culturali.
Gli spettacoli sono tutti ad ingresso gratuito, ma per quelli di Recanati e Macerata, causa posti limitati, l’accesso è consentito solo dietro prenotazione obbligatoria da fare ai numeri di telefono dei rispettivi musei.

I tre eventi offerti dal Sistema Museale della Provincia di Macerata fanno parte del cartellone 2011 di ControCanto, il festival promosso dalla Provincia di Ancona, organizzato dall’Arci di Ancona con la direzione artistica di Mauro Binci, e che si avvale della collaborazione di altri Enti, oltre al Sistema Museale ed ai Comuni del maceratese, quali il Sistema Museale della Provincia di Ancona, la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, la Fondazione Teatro delle Muse di Ancona, il Festival Internazionale della Fisarmonica di Castelfidardo, Spilla Festival di Ancona e i Comuni di Maiolati Spontini, Castelfidardo, Jesi, Sassoferrato, Ancona e Senigallia.
Dal 26 marzo al 17 maggio dieci eventi esclusivi nei teatri, musei, biblioteche e chiese di nove comuni delle province di Macerata e Ancona.
Tutto il programma è consultabile nel sito www.contro-canto.org