Archivi giornalieri: 22 Aprile 2011

Presentazione di RACI 2011

La 27^ edizione dell’annuale Rassegna Agricola del Centro Italia, che – come consuetudine – si svolge a Villa Potenza di Macerata, sta per prendere il via. Le novità ed il programma completo della rassegna (6-8 maggio) saranno presentati giovedì 28 aprile a mezzogiorno nelle Sala “Giovannetti” di Palazzo degli Studi, a Macerata, con un’apposita conferenza stampa degli enti promotori ed organizzatori. Interverranno: i rappresentanti della Provincia e dell’Associazione provinciale allevatori che sin dalla prima edizione collaborano nell’organizzazione. Interverranno anche rappresentanti degli enti sostenitori, sponsor e associazioni agricole provinciali.
Quest’anno la Raci avrà anche un prologo il 5 maggio con un convegno nella sede dell’Istituto tecnico agrario di Macerata al quale prenderà parte Beatriz Esther Velasquez della Direzione generale Agricoltura e sviluppo rurale dell’Unione europea.

Premiato progetto Avsi pro-Haiti


Il progetto dell’AVSI Italia a favore delle popolazioni di Haiti colpite dal terremoto del gennaio 2010 ha ottenuto il riconoscimento dell’ONU che ha assegnato all’organizzazione no-profit italiana un “certificato di merito” per le attività svolte. Per questo riconoscimento c’è soddisfazione anche da parte della Provincia di Macerata in quanto l’Amministrazione provinciale figura tra gli enti sostenitori e cofinanziatori del progetto AVSI con un contributo di circa diecimila euro.
All’indomani del terremoto che il 12 gennaio 2010 provoco vittime e distruzioni nel Paese caraibico, l’Amministrazione provinciale di Macerata aprì uno speciale conto corrente per la raccolta di fondi a favore delle popolazioni di Haiti. Il conto fu attivato con la devoluzione dei gettoni di presenza dei Consiglieri provinciali relativi alla seduta del 18 gennaio 2010 e poi incrementato con fondi raccolti tra gli stessi amministratori della Provincia, dai Comuni e da privati cittadini
Il progetto di aiuti realizzato dall’AVSI Italia per oltre 400 mila euro è stato concentrato nella zona metropolitana di Port-au-Prince, dove recentemente c’è stata la cerimonia di consegna dei riconoscimenti da parte dell’Alto Commissariato per i Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite. Per l’Avsi Italia ha ritirato il “certificato di merito” Fiammetta Cappellini.

Nella foto, la consegna dei riconoscimenti a Port-au-Prince

Nomadi rubano alla Coal


Alle ore 19.45 circa di ieri la “Volante” è intervenuta presso il supermercato “Coal” sito in questa Via Marche ove il personale impiegato aveva notato dei nomadi intenti ad asportare la merce dagli scaffali. Immediatamente intervenuti, gli agenti sorprendevano quattro nomadi di cui un uomo e tre donne i quali, alla vista della Polizia cercavano di disfarsi della merce che avevano già nascosto all’interno di alcune borse che avevano al seguito e iniziando a correre in direzione dell’uscita. Subito bloccati, i quattro nomadi, tutti rumeni e in Italia senza fissa dimora, venivano sottoposti a perquisizione personale a seguito della quale veniva rinvenuta la merce che stavano tentando di asportare costituita da svariate scatole di detersivo e collant per un valore di alcune decine di euro.
I quattro individui verranno denunciati all’A.G. per il reato di furto aggravato in concorso tra loro.

Rapina alla banca Monte dei Paschi di Siena


Alle ore 15 circa di eiri 22 aprile, e’ stata consumata una rapina ai danni della filiale del Monte dei Paschi di Siena filiale di Macerata sita in via Volturno.
La rapina è stata compiuta da tre rapinatori travisati con una maschera di carnevale e passamontagna di cui due sono entrati in banca mentre un terzo e’ rimasto fuori in attesa dei complici alla guida di una renault clio di colore verde risultata oggetto di furto perpetrato a Porto Recanati.
Una volta all’interno i due rapinatori, minacciando il personale senza l’utilizzo di armi o altro, si appropriavano della somma di circa ottomila euro dandosi poi alla fuga a bordo dell’autovettura guidata dal complice. L’autovettura rubata è stata successivamente rinvenuta a poca distanza dalla banca teatro della rapina e restituita al legittimo proprietario.
Probabilmente italiani i rapinatori in cosiderazione dell’accento del sud con cui si esprimevano.
Sono in corso indagini da parte della squadra mobile.

Approvato da UE progetto Green Mountain della Provincia di MAcerata


La Commissione Europea ha approvato e finanziato per oltre due milioni di euro il progetto “Green Mountain” proposto dalla Provincia di Macerata anche a nome di altri enti partner di diversi Paesi del sud e dell’est Europa. Il progetto, che si svilupperà nel corso di un triennio, riguarda l’individuazione di azioni di sviluppo sostenibile nelle aree naturali, montane e protette. Esso, in sede di esame da parte degli organi comunitari, ha ottenuto un’ottima valutazione, essendosi classificato primo nella specifica sezione.
L’iniziativa rientra nel Programma di Cooperazione transnazionale promosso dall’U.E. e la Provincia di Macerata ha come partner italiano il Parco nazionale dei Monti Sibillini. Partner stranieri che prendono parte al progetto sono: Agricultural Research and Education Centre Raumberg-Gumpenstein (Austria), Multifunctional Association of the Municipalities of Kőszeg Microregion (Ungheria), Regional Governor with Administrative Center Smolyan (Bulgaria), Brasov Agency for Sustainable Development (Romania), Ministry of Civil Engineering and Phisical Planning (Bosnia-Herzegovina), Municipality of Pljevlja (Montenegro), Triglav National Park (Slovenia), National Forest Administration (Romania), Region of Epirus (Grecia), Chernivtsi Regional State Administration (Ucraina).
Nell’ambito dell’intero finanziamento, alla Provincia di Macerata, quale ente capofila del progetto, è stato assegnato un budget di 470 mila euro per attività proprie che saranno coordinate attraverso il Servizio politiche comunitarie in collaborazione, per gli aspetti tecnici, con il Servizio risorse naturali e biodiversità del Settore Ambiente.
Nella proposta presentata in sede progettuale dalla Provincia di Macerata, figurano anche lo sviluppo di azioni volte a qualificare l’agriturismo e – per il territorio dei Monti Sibillini – anche un’iniziativa per diffondere e disciplinare la coltivazione della “Genziana”, pianta officinale utilizzata pure come aromatizzante in alcuni prodotti realizzati da una antica e famosa distilleria della zona dei Monti Sibillini, apprezzata e conosciuta in Italia e all’estero.

Consiglio di Stato: respinto appello contro Fondi per basso bacino Chienti


Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della Comunità montana Monti Azzurri volto ad annullare il diniego del provvedimento cautelare (la cosiddetta “sospensiva”) già negata dal Tar Marche nel ricorso presentato lo scorso ottobre dallo stesso ente montano contro la Provincia di Macerata e la Regione Marche per i fondi europei assegnati per circa due milioni di euro a favore della bonifica dei siti inquinati nella basso bacino del Chienti.
La Comunità montana aveva inoltrato al Tar Marche (che ora si dovrà pronunciare nel merito) un ricorso per chiedere l’annullamento del Decreto della Regione Marche in cui nel luglio 2010 è stata approvata la graduatoria per l’assegnazione di fondi europei per il PIT (Piano integrato territoriale). In quella graduatoria la Provincia di Macerata, convenuta davanti al Tribunale amministrativo, figura al sesto posto (precedendo la Comunità montana, presentatrice di altri progetti) per il proprio programma di bonifica del basso bacino del fiume Chienti in cui, come è noto, da molti anni è in atto un inquinamento di sostanza chimiche risalente ai primi anni ’90.
Come già avvenuto al Tar, anche davanti al Consiglio di Stato la Provincia si è costituita tramite l’avv. Franco Gentili per sostenere l’infondatezza del ricorso della Comunità montana. Nel confermare il diniego alla sospensiva della graduatoria richiesta dall’ente di San Ginesio, i giudici d’appello scrivono – tra l’altro – nella loro ordinanza che “non si ravvisano profili di censura idonei a far agevolmente prevedere un esito della vertenza favorevole per la Comunità montana ….”