Archivi giornalieri: 30 Aprile 2011

Scommesse per conto di bookmaker esteri: due denunce


Scommesse per conto di bookmaker esteri: in adesione alle direttive ministeriali in materia, la polizia di Macerata ha effettuato un controllo presso una ricevitoria di scommesse sportive sita in San Severino Marche (MC).
Al termine dell’attività di polizia giudiziaria sono stati denunziati alla Procura della Repubblica di Camerino P.D., 30 anni e G.I., 26 anni, entrambi di San Severino Marche (MC), gestori della ricevitoria nonchè i rappresentanti legali delle distinte società, due britanniche e l’ altra maltese quali organizzatori delle scommesse, poiché ritenuti tutti responsabili del reato di esercizio del gioco d’ azzardo e di esercizio di esercizio abusivo della raccolta di scommesse o concorsi pronostici che la legge riserva allo Stato o ad altro ente concessionario, in quanto gestivano una ricevitoria di scommesse organizzate da una società maltese priva di qualsiasi autorizzazione ad operare in Italia.
Con i predetti è stato denunziato anche un giocatore del posto per il reato di partecipazione al gioco d’ azzardo.
Per questa tipologia di reato il colpevole rischia la pena detentiva della reclusione fino ad un massimo di anni tre
In sequestro copioso materiale documentale nonché le attrezzature elettroniche e video, convalidato dalla Procura della Repubblica di Camerino nell’ ambito del procedimento penale n. 349/11.
Infine ieri è stato notificato agli interessati il provvedimento di diffida del Questore con l’ ordine di cessazione dell’ attività illegale.

La Polizia Amministrativa è intervenuta più volte in questo settore denunziando più operatori locali, non in possesso della licenza del Questore, che offrivano al pubblico scommesse organizzate da allibratori esteri privi della concessione dei Monopoli di Stato. Questi operatori locali, di Tolentino, Morrovalle, Recanati, Portorecanati, Civitanova Marche, sono stati chiusi.

In questi casi, infatti, essi sfuggono ad ogni controllo di sicurezza pubblica mentre le società estere eludono il pagamento degli oneri di concessione ed i tributi erariali dovuti per l’ attività svolta nello stato italiano.
Inoltre gli scommettitori non possono essere garantiti dallo Stato in caso di insolvenza dell’ organizzatore qualora non voglia pagare una vincita in quanto si tratta di una obbligazione derivante da attività illecita.
Da sottolineare poi che i giocatori sorpresi al gioco possono essere denunziati essi stessi per il reato di partecipazione al gioco d’ azzardo.

Gatto incaprettato con del filo spinato


Nella giornata di ieri la volante è intervenuta nel centro di Macerata per delle sevizie a danno di un animale. Alle ore 10.30 circa la volante transitava in via Leopardi all’altezza della rampa Zara quando veniva chiamata da alcuni cittadini radunatisi sul posto. Ai bordi della strada era stato infatti rinvenuto un gatto di razza europea, crudelmente incaprettato con del filo spinato. La povera bestia aveva le zampe anteriori ed in collo strettamente annodate ed era impossibilitata a muoversi senza ferirsi con il filo spinatato, tuttavia era riuscita a richiamare attenzione dei passanti con dei miagolii disperati.
Nell’immediatezza venivano quindi reperite delle cesoie da alcuni operai di passaggio e si provvedeva a liberare la povera bestia che pur spaventata ma in buone condizioni di salute si rifugiava presso le sterpaglie sottostanti.
Ancora si sconosce l’autore e la motivazione di un simile gesto, si rappresenta tuttavia che non è il primo episodio di crudeltà nei confronti di animali registrato in questi ultimi mesi e che la legge 20 luglio 2004, n. 189 prevede pene fino a 18 mesi di reclusione e multe fino a 15.000 euro per episodi simili. Si invita inoltre la cittadinanza a segnalare tempestivamente al 113 ogni episodio al fine di prevenire e punire questi reati.