Design Week 2018, BASE Milano,

In occasione della Design Week 2018BASE Milano – tra i più importanti progetti di rigenerazione urbana in Europa – propone una riflessione critica sul city making e le nuove forme della trasformazione urbana.

 

Ad aprire il racconto sarà “Trouble Making. Who’s making the city?”, una mostra commissionata da BASE Milano e a cura di Raumplan sui fenomeni di massa e le reti virtuali che stanno cambiando il volto delle nostre città. Attraverso il lavoro di artisti, fotografi, designer e videomaker, la mostra offre una lettura di alcuni fenomeni collettivi che coinvolgono la realtà urbana: dall’esplosione dell’attività dei corrieri ai nuovi circuiti del turismo di massa, fino ai processi innescati dalla sharing economy, dall’home sharing e dall’informazione online fai-da-te. Chi sono gli attori e quali sono i processi che, realmente, «fanno città», in un’epoca in cui la disciplina urbanistica appare sempre più in crisi? I contributi in mostra indagano le conseguenze e l’impatto dei grandi flussi globali di capitali, informazioni, merci e turisti, sulle realtà a scala locale e sulla vita delle persone.

Tra i progetti esposti: l’analisi delle fotografie degli alloggi di Airbnb a cura di Calibro, Donato RicciÒbelo che individuano i capisaldi di un’estetica omologante caratteristica degli interni delle case e delle camere in affitto sulla piattaforma; le fotografie di Delfino Sisto Legnani che ritraggono alcuni dispositivi come i bottoni di Amazon e le serrature smart controllabili in remoto per la consegna dei pacchi; il filmato realizzato da Louis De Belle e Giacomo Traldi che racconta gli itinerari cittadini del turismo su gomma; un’indagine fotografica sui corrieri del food delivery realizzata da Louis De Belle insieme a Nicolò Ornaghi; un contributo sulle conseguenze urbane dei flussi di informazione online presentato da Giga Design Studio e Superinternet. Il percorso espositivo chiude con una scultura di Ayr che si appropria di uno dei più famosi prodotti di Achille Castiglioni.

 

Tra i casi studio di progettazione urbana, la stessa BASE Milano che presenterà al pubblico una nuova porzione di spazi in corso di rigenerazione – da 6.000 a 12.000 metri quadri –, con nuovi prototipi di servizi e funzioni: una portineria di quartiere di nuova concezione, una rinnovata officina interna in condivisione e un cortile che da area di carico-scarico industriale viene restituito alla città e trasformato in spazio per l’intrattenimento culturale.

Image

Foto_Campagna mostra “Trouble Making”_©DelfinoSistoLegnani

Al suo terzo Fuorisalone, BASE si riconferma quindi un punto di riferimento fondamentale per l’innovazione, la creatività e la cultura, proponendosi come caso studio per nuovi modelli di rigenerazione urbana: uno spazio pubblico, gestito da un’impresa sociale privata, non-profit, frutto di un consorzio misto di associazioni e imprese private, auto-finanziato, che vive sul mercato, con una programmazione partecipativa e miscellanea, costruita insieme a molteplici attori culturali della città. Un ecosistema in continua trasformazione, caso unico nel suo genere e allo stesso tempo parte di un processo di trasformazione più ampio che interessa larga parte delle aree metropolitane occidentali, in cui l’arretramento del manifatturiero lascia spazio a nuove industrie e nuove funzioni urbane. Una scelta – quella di indagare i processi urbani e di rigenerazione – che scaturisce proprio a partire dall’attuale fase evolutiva che vede BASE come una grande Learning Machine: una macchina per l’apprendimento, laboratorio di formazione permanente al servizio della città, del quartiere e dei professionisti delle industrie creative. E, allo stesso tempo, una macchina che apprende, un grande organismo capace di mettere in dialogo comunità creative diverse per assorbire, condividere e ritrasformare reciproci contenuti e contaminazioni.

Image
Precedente TOSCANINI alla Milano Design Week 2018 Successivo Le società segrete non hanno più segreti