Festa della Mamma: 2,6 milioni di bambini muoiono nel 1° mese

Per celebrare la Festa della mamma (il prossimo 13 maggio), l’UNICEF Italia lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Ogni bambino è VITA” per ricordare che ogni anno, 2,6 milioni di neonati muoiono prima di compiere il loro primo mese di vita, 7.000 ogni giorno. Ogni mamma ha diritto a dare alla luce bambini in salute e ogni bambino ha diritto a ricevere cure per poter vivere e crescere.

Nel mondo, un milione di neonati emette il primo e l’ultimo respiro poco dopo essere venuto alla luce. Altri 2,6 milioni nascono morti. Ciascuna di queste perdite è una tragedia, soprattutto perché molto spesso è prevenibile. Oltre l’80% delle morti neonatali è causato da parto prematuro, complicanze durante il travaglio e il parto, nonché infezioni come setticemia, tetano, meningite e polmonite. Il tasso di mortalità dei bambini di età compresa tra 1 mese e 5 anni è diminuito notevolmente negli ultimi decenni. Ma i progressi nel ridurre la mortalità dei neonati – di età inferiore a 1 mese – sono stati meno incisivi. Tutto questo avviene perché le morti neonatali sono difficili da affrontare con un singolo farmaco o intervento, ma richiedono un approccio sistematico e integrato. L’UNICEF lavora affinché ogni mamma e ogni bambino, soprattutto i più vulnerabili, ricevano assistenza sanitaria di qualità a prezzi accessibili.

In occasione della campagna, l’UNICEF Italia rilancia la Petizione “Ogni bambino è VITA”, con l’obiettivo di chiedere ai governi, agli addetti alla sanità, ai donatori, al settore privato, alle famiglie e alle imprese di contribuire in ogni modo per assicurare la sopravvivenza e la cura di ogni bambino. Le firme raccolte saranno consegnate ai Ministri della Salute, riuniti nell’Assemblea Mondiale della Sanità (il prossimo 21 – 26 maggio) per chiedere loro di impegnarsi con azioni concrete per porre fine alla tragedia di 7.000 neonati che muoiono durante il primo mese di vita. Finora in diversi paesi nel mondo sono state raccolte oltre 80 mila adesioni, ma fino al 20 maggio 2018 è possibile aderire, all’indirizzo: https://firma.unicef.it/

Oggi, a Roma, presso la Galleria Alberto Sordi, alle 17,30, viene inaugurata la mostra fotografica “Ogni bambino è VITA”. La mostra ha per protagoniste le immagini che testimoniano straordinarie storie di sopravvivenza, catturate in Perù, Bangladesh, Mongolia e Mali dall’obiettivo di Ilvy Njiokiktjien. La Mostra rimarrà visibile al pubblico, gratuitamente, fino al 7 giugno, grazie alla collaborazione e al sostegno di Sorgente Group.

RTL 102.5 è ancora una volta accanto ad UNICEF Italia e martedì 8 maggio dedicherà tutta la giornata alla campagna #EVERYCHILDALIVE appoggiando la raccolta fondi ‘Ogni Bambino è vita’ per dare un futuro ai bambini di 10 paesi dove la mortalità per cause neonatali è tra le più alte al mondo. Durante la giornata di martedì RTL 102.5 metterà al centro l’iniziativa solidale con interviste all’interno dei programmi, citazioni e una copertura social ed editoriale a supporto per sensibilizzare gli ascoltatori su un tema che tocca tutta l’umanità.

Durante la settimana, l’UNICEF, in collaborazione con importanti aziende partner, presenterà diverse iniziative.

L’UNICEF lancia una raccolta fondi a sostegno di progetti prenatali e postnatali in 10 paesi – Bangladesh, Etiopia, Guinea Bissau, India, Indonesia, Malawi, Mali, Nigeria, Pakistan e Tanzania – dove la povertà estrema causa gravi carenze nelle infrastrutture mediche e la mortalità per cause neonatali è tra le più alte al mondo.

E’ POSSIBILE SOSTENERE LA CAMPAGNA UNICEF ‘OGNI BAMBINO E’ VITA’, DONANDO al 45525:

  • 2 euro con SMS da cellulare personale Wind Tre, TIM, Vodafone, Poste Mobile, CoopVoce, Tiscali;
  • 5 euro con chiamata da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile;
  • 5 o 10 euro con chiamata da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone, Tiscali.

Sito-web: www.unicef.it/perognibambino

 

#EVERYCHILDALIVE

Precedente Sport per integrare e superare le barriere Successivo I progetti della Fondazione Opera Don Bosco Onlus di Milano