Macerata Jazz Estate tre serate di musica, arte e gusto

Opere d’arte che hanno attraversato i secoli, un palazzo che dal ‘700 ad oggi è custode del bello, i sapori della tradizione capaci di narrare un intero territorio, il jazz, la musica che da sempre affonda le sue radici nella storia della città. Macerata Jazz Estate, rassegna di Musicamdo Jazz con il patrocinio del Comune di Macerata, sceglie la splendida cornice del cortile di Palazzo Buonaccorsi, sede dei Musei Civici, per una tre giorni di musica, storia, arte e gusto.

Infatti, da venerdì 6 a domenica 8 luglioa partire dalle ore 20 si accenderanno i riflettori sul buon jazz in uno dei luoghi più suggestivi della città. Ad aprire la serata in ognuna delle tre date, un concerto per piano solo da gustare con un aperitivo preparato da Il Pozzo di Macerata, storico locale cittadino da sempre legato a doppio filo alla tradizione jazz.

Tra vini del territorio e prelibatezze che lo raccontano, la serata musicale continuerà poi con il consueto concerto delle ore 21Venerdì 6 con “Tonight at Noon”, il sestetto tutto marchigiano composto da Samuele Garofoli alla tromba, Stefano Conforti al sax tenore, Fabrizio Caraceni al sax baritono, Edoardo Petracci al contrabbasso, Roberto Bisello alla batteria e Alessandro Bravo al piano, omaggeranno il grande Charles Mingus. Sabato 7, invece, è la volta di un vero talento appena sfornato dalla fucina dell’ultima edizione del Premio Internazionale Massimo Urbani. Direttamente da Amsterdam arriva, infatti, il ventiduenne pianista Tommaso Perazzo accompagnato da Kimon Karoutzos al contrabbasso e da Marcello Cardillo alla batteria. Il talento genovese che ha sconvolto la giuria del Premio Urbani composta per l’occasione da Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Ada Montellanico e dal direttore del Torino Jazz Festival Giorgio Li Calzi e la giuria critica composta dai giornalisti nazionali di settore, a Macerata regalerà tutto il suo estro e il suo incredibile pianismo.

Si chiude poi domenica 8 con una ventata dal Portogallo. Infatti il cortile di Palazzo Buonaccorsi sarà palcoscenico ideale dell’ensemble composto dal sassofonista Ricardo Toscano, dal pianista Joao Pedro Coelho e dal batterista Joao Pereira.

Il territorio, le giovani eccellenze e l’internazionalità, tre tessere che si intersecano per una piccola rassegna che va ad impreziosire, grazie alla qualità della proposta artistica e alla location mozzafiato, un’estate maceratese davvero ricca di cultura e di eventi.

 

Precedente Fermo è la provincia nelle Marche con più edifici con ascensore Successivo ELBABOOK, festival dedicato all'editoria indipendente, al via la quarta edizione