Archivio tag: potenza picena

Mugellini Festival, doppio appuntamento a Potenza Picena

Arriva una domenica di fuoco per il Mugellini Festival. Doppio appuntamento, mattina e pomeriggio, per celebrare due grandi nomi della musica italiana internazionale. Si inizia alle 10.30 presso il Teatro Mugellini con lo spazio Gli Amici del MuFe, che oramai da 3 anni, in collaborazione con l’iniziativa Music Gallery, porta a Potenza Picena grandi nomi del pop autorale italiano. Dopo Mogol e Peppe Vessicchio, ha quest’anno accettato l’invito Vince Tempera, autore, produttore e storico direttore d’orchestra. Sua sarà la lezione spettacolo “La strada giusta per Sanremo”. Attivo fin dagli anni settanta in band come The Pleasure Machine e Il Volo, è anche famoso per essere stato autore o coautore di diverse sigle di cartoni animati degli anni settanta e ottanta, una tra tutte Ufo Robot Goldrake. Negli anni è più volte direttore d’orchestra del Festival di Sanremo.

Si prosegue poi nel pomeriggio con un nuovo appuntamento del Festival: è la volta di Federico Mondelci e il suo Italian Saxophone Quartet. A partire dalle 17.30 risuoneranno tra le volte della Cappella dei Contadini le note di celeberrimi brani della musica internazionale, da Astor Piazzolla e Gershwin e reinterpretazioni autorali delle più belle colonne sonore, da Nino Rota a Morricone. Docente, camerista, Solista e Direttore d’Orchestra, Federico Mondelci è da trent’anni, uno dei maggiori e più apprezzati interpreti del panorama musicale internazionale.  Raffinato solista di raro e straordinario talento svolge la sua carriera a fianco di orchestre quali la Filarmonica della Scala con Seiji Ozawa, I Solisti di Mosca con Yuri Bashmet, la Filarmonica di San Pietroburgo e la BBC Philharmonic sui palcoscenici più famosi del mondo: in Europa, Usa, Australia e Nuova Zelanda. Sul palco, accanto a lui, le immagini del fotografo senigagliese Lorenzo Cicconi Massi

Come tradizione del festival, entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito. Consigliato il servizio di prenotazione tramite il sito internet e nei MuFe Point.

Info e prenotazioni su www.mugellinifestival.it

Al Teatro Mugellini di Potenza Picena è in scena ‘Robespierre’

Presso il Teatro Mugellini: Robespierre  con Maurizio Boldrini, Greta di Lorenzo, Carlo Sampaolesi, Marco Poeta e la scultura di Cristian Zucconi

La quarta edizione è per il Mugellini Festival l’edizione della maturità. Alle collaborazioni prestigiose, cifra del festival dal 2016, si affianca quest’anno la prima produzione in proprio. È lo spettacolo Robespierre, che verrà messo in scena per la prima volta sabato 12 ottobre presso il Teatro Mugellini alle 21.15. L’ispirazione nasce già nel 2018, quando lo scultore piacentino Cristian Zucconi rimane affascinato da una scultura settecentesca di proprietà del Comune di Potenza Picena e decide di ridarle nuova vita. Ne nasce un progetto artistico unico nel suo genere, condotto sotto l’egida della Soprintendenza delle Belle Arti, che abbina antico e moderno in una scultura dal forte impatto emotivo. Attorno a tale progetto si amalgamo spunti e professionalità artistiche da diversi ambiti artistici: il testo Robespierre di Giovanni Prosperi, la voce e la regia di Maurizio Boldrini, del Minimo Teatro, la presenza scenica della giovanissima attrice Greta Di Lorenzo. Accanto a loro la musica: la fisarmonica di Carlo Sampaolesi e il fado riconosciuto a livello internazionale di Marco Poeta, che sposa il progetto e decide di prendervi parte.  Un evento a tutto tondo, alla prova del pubblico del Festival, in attesa di calcare altri, futuri palcoscenici.

Come tradizione del festival, tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito. Consigliato il servizio di prenotazione tramite il sito internet e nei MuFe Point.

POTENZA PICENA: spettacoli, gusto e green style sulla RivIera del Conero

Entra nel vivo l’estate della deliziosa località marchigiana Bandiera Blu: qualità delle spiagge, attenzione all’ambiente e tanti eventi in agenda.

Tanti eventi tra spettacoli e gusto, dove qualità delle spiagge e rispetto dell’ambiente sono di casa. Entra nel vivo l’estate di Potenza Picena (Mc), comune Bandiera Blu sempre più apprezzato da chi ama la qualità della vita e quello stile ‘slow life’ che le Marche sanno custodire. Elegante terrazza sull’Adriatico tra ulivi e vigneti, Potenza Picena invoglia a godersi la tranquillità e la frescura delle colline, per scivolare fino al mare, dove si trova la località balneare di Porto Potenza Picena. Qui accolgono il turista un mare pulito, una spiaggia sabbiosa finissima con tanti servizi, un lungomare pedonale arredato e attrezzato esteso lungo tutto il centro abitato. Una località conosciuta anche per la sensibilità ambientale: ne è testimonianza il quartiere Ecocittà, progetto innovativo che ha fatto rinascere un’area in abbandono a pochi passi dal mare applicando su larga scala i principi della sostenibilità: abitazioni a risparmio energetico, impianti ad energia rinnovabile, illuminazione a basso consumo, sistemi di recupero dell’acqua piovana e ampie aree verdi. La località spicca inoltre per l’alto tasso di raccolta differenziata dei rifiuti, sviluppa un’attività costante di educazione ambientale e dimostra particolare attenzione per la mobilità sostenibile: il soggiorno offre lunghi percorsi pedonali e ciclabili che collegano il centro con il Parco Oasi dei laghetti e il porticciolo turistico, oltre al servizio di bike sharing. Gli amanti della natura e della mobilità dolce avranno da scegliere tra percorsi in bici, walking ed escursioni sulla Riviera del Conero.

Continua a leggere

Potenza Picena: porto ingiustificato d'armi


Nel contesto di specifici servizi di P.G. volti alla prevenzione e repressione dei delitti contro il patrimonio, nel pomeriggio di ieri, personale della locale Squadra Mobile a Potenza Picena, ha proceduto al controllo di un’autovettura di grossa cilindrata a bordo della quale viaggiavano due cittadini extracomunitari gravati da alcuni precedenti penali a carico per reati contro il patrimonio.

Per tale motivo, gli agenti procedevano ad un controllo più accurato del mezzo, a seguito del quale, all’interno del vano portabagagli, rinvenivano un piede di porco oltre ad altri strumenti atti allo scasso, dei quali l’autista del mezzo, un albanese di 24 anni, non era in grado di giustificarne il possesso come non era in grado di fornire giustificazioni plausibili circa il possesso di alcuni assegni e di una carta di credito che aveva al seguito.

Da un ulteriore controllo dei documenti di circolazione del veicolo, è emersa inoltre la totale falsità del tagliando relativo alla polizza assicurativa, motivo per cui veniva richiesto sul posto l’intervento di una pattuglia della Polizia Stradale i cui agenti provvedevano alla relativa verbalizzazione.

Nel corso della prosecuzione dell’intervento, gli agenti operavano anche una perquisizione presso l’abitazione dell’indagato, operazione che dava pero’ esito negativo.

L’albanese è stato deferito all’A.G. per il reato di porto ingiustificato di arnesi atti ad offendere oltre che per il reato di truffa e uso di atto falso, per essere stato trovato in possesso del tagliando assicurativo risultato essere falso.

da http://questure.poliziadistato.it/Macerata

Potenza Picena: porto ingiustificato d’armi


Nel contesto di specifici servizi di P.G. volti alla prevenzione e repressione dei delitti contro il patrimonio, nel pomeriggio di ieri, personale della locale Squadra Mobile a Potenza Picena, ha proceduto al controllo di un’autovettura di grossa cilindrata a bordo della quale viaggiavano due cittadini extracomunitari gravati da alcuni precedenti penali a carico per reati contro il patrimonio.

Per tale motivo, gli agenti procedevano ad un controllo più accurato del mezzo, a seguito del quale, all’interno del vano portabagagli, rinvenivano un piede di porco oltre ad altri strumenti atti allo scasso, dei quali l’autista del mezzo, un albanese di 24 anni, non era in grado di giustificarne il possesso come non era in grado di fornire giustificazioni plausibili circa il possesso di alcuni assegni e di una carta di credito che aveva al seguito.

Da un ulteriore controllo dei documenti di circolazione del veicolo, è emersa inoltre la totale falsità del tagliando relativo alla polizza assicurativa, motivo per cui veniva richiesto sul posto l’intervento di una pattuglia della Polizia Stradale i cui agenti provvedevano alla relativa verbalizzazione.

Nel corso della prosecuzione dell’intervento, gli agenti operavano anche una perquisizione presso l’abitazione dell’indagato, operazione che dava pero’ esito negativo.

L’albanese è stato deferito all’A.G. per il reato di porto ingiustificato di arnesi atti ad offendere oltre che per il reato di truffa e uso di atto falso, per essere stato trovato in possesso del tagliando assicurativo risultato essere falso.

da http://questure.poliziadistato.it/Macerata

Trovato con 43 masse ovulari nell’intestino


Alle ore 02,30 circa di ieri 23, a seguito di una articolata attività d’indagine, nei confronti di soggetti pachistani dediti al traffico di stupefacenti, il personale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato, all’altezza del comune di Potenza Picena procedeva al controllo di un’autovettura Ford Mondeo Station Wagon ed alla successiva identificazione degli occupanti.
Da un primo esame delle dichiarazioni rilasciate dal conducente del veicolo, di nazionalità pachistana, appariva che lo stesso trasportava due connazionali Q. N. di anni 38 e I.S. di anni 29, dopo averli prelevati nella serata precedente dallo scalo aereo di Fiumicino di Roma, laddove i due erano sbarcati per aver fatto rientro dal Pakistan.
Maturata la convinzione che i due passeggeri fossero inseriti proprio nel contesto investigativo di cui gli investigatori si stavano occupando, si procedeva all’accompagnamento in ufficio del terzetto e successivamente alla perquisizione personale facendo alla fine ricorso anche allo strumento legislativo degli accertamenti radiografici che davano esito positivo per due di loro.
Gli esami infatti, portavano al rilevamento sul corpo di Q.N. e I.S. della presenza nell’intestino, di complessivi 43 masse ovulari che, si è poi accertato attraverso le operazioni effettuate in collaborazione agli operatori della locale Polizia Scientifica, contenere sostanza stupefacente del tipo eroina di elevatissimo grado di purezza, del peso globale di circa gr.400.
Nello specifico, l’arrestato Q.N., occultava nel proprio corpo 30 ovuli, mentre l’altro connazionale I.S. ne aveva occultati 13.
Le indagini hanno permesso di stabilire che entrambi gli arrestati, per eludere i controlli di frontiera, avevano ingoiato gli ovuli contenente l’eroina prima dell’imbarco presso lo scalo aereo di Islamabad.
I due extracomunitari, arrestati per il concorso tra loro per la violazione di cui all’art. 73 commi 1 e 1 bis del D.P.R. 309/90, sono stati posti a disposizione dell’A.G. che, per isolarli tra loro ha disposto la conduzione del Q.N. presso la Casa Circondariale di Camerino e di I.S. presso il carcere di Montacuto di Ancona.
Procede il Dr.Andrea Belli, Sostituto Procuratore della Repubblica di Macerata.

Trovato con 43 masse ovulari nell'intestino


Alle ore 02,30 circa di ieri 23, a seguito di una articolata attività d’indagine, nei confronti di soggetti pachistani dediti al traffico di stupefacenti, il personale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato, all’altezza del comune di Potenza Picena procedeva al controllo di un’autovettura Ford Mondeo Station Wagon ed alla successiva identificazione degli occupanti.
Da un primo esame delle dichiarazioni rilasciate dal conducente del veicolo, di nazionalità pachistana, appariva che lo stesso trasportava due connazionali Q. N. di anni 38 e I.S. di anni 29, dopo averli prelevati nella serata precedente dallo scalo aereo di Fiumicino di Roma, laddove i due erano sbarcati per aver fatto rientro dal Pakistan.
Maturata la convinzione che i due passeggeri fossero inseriti proprio nel contesto investigativo di cui gli investigatori si stavano occupando, si procedeva all’accompagnamento in ufficio del terzetto e successivamente alla perquisizione personale facendo alla fine ricorso anche allo strumento legislativo degli accertamenti radiografici che davano esito positivo per due di loro.
Gli esami infatti, portavano al rilevamento sul corpo di Q.N. e I.S. della presenza nell’intestino, di complessivi 43 masse ovulari che, si è poi accertato attraverso le operazioni effettuate in collaborazione agli operatori della locale Polizia Scientifica, contenere sostanza stupefacente del tipo eroina di elevatissimo grado di purezza, del peso globale di circa gr.400.
Nello specifico, l’arrestato Q.N., occultava nel proprio corpo 30 ovuli, mentre l’altro connazionale I.S. ne aveva occultati 13.
Le indagini hanno permesso di stabilire che entrambi gli arrestati, per eludere i controlli di frontiera, avevano ingoiato gli ovuli contenente l’eroina prima dell’imbarco presso lo scalo aereo di Islamabad.
I due extracomunitari, arrestati per il concorso tra loro per la violazione di cui all’art. 73 commi 1 e 1 bis del D.P.R. 309/90, sono stati posti a disposizione dell’A.G. che, per isolarli tra loro ha disposto la conduzione del Q.N. presso la Casa Circondariale di Camerino e di I.S. presso il carcere di Montacuto di Ancona.
Procede il Dr.Andrea Belli, Sostituto Procuratore della Repubblica di Macerata.